Cerca

Sostieni la Fondazione





 

 




 

 

 

 

 

Il centro polivalente

Il Centro polivalente psico-pedagogico Progetto Uomo.
Enel Cuore e Fondazione Progetto Uomo per il trattamento dei Disturbi Specifici d’Apprendimento.

Nel mese di giugno 2010 è stato inaugurato nella sede operativa della Fondazione Progetto Uomo a Serra valle di Vittorio Veneto (TV) il Centro polivalente psico-pedagogico Progetto Uomo dotato di 2 aule multimediali e software specifici donati da ENEL CUORE per il trattamento dei Disturbi Specifici d’Apprendimento. Il Centro polivalente ha lo scopo di offrire un sostegno mirato ai ragazzi in età scolare sia con diagnosi di DSA sia con difficoltà scolastiche dovute ad altri fattori (svantaggio socio culturale, emotivo motivazionali, deficit cognitivo). Negli ultimi anni sono stati messi a punto  su supporto magnetico programmi di potenziamento delle abilità compromesse dai disturbi  specifici d’apprendimento (DSA). Il centro dispone di un’ampia dotazione di questi software specifici  grazie al contributo di ENEL CUORE. L’attività del Centro ha lo scopo di prevenire il malessere causato dalle difficoltà scolastiche che spesso sono causa dell’abbandono scolastico e di comportamenti a rischio negli adolescenti. Dispone inoltre di una palestra di psicomotricità e diverse aule per la formazione degli insegnanti, degli psicologi e dei logopedisti, per il parent training dei genitori dei ragazzi con DSA.


 

 




 

L’inaugurazione del Centro è stato onorato dalla presenza di un folto gruppo di industriali della provincia di Belluno e Treviso tra i quali Luigi Francavilla di Luxottica insieme all’ex a.d. dott. Roberto Chemello e al dott. Piergiorgio Angeli, direttore delle risorse umane del Gruppo Luxottica che ha voluto sottolineare come l’azienda ponga al centro il capitale umano come  valore strategico.

Il saluto dell’amministrazione comunale di Vittorio Veneto è stato portato dall’assessore ai Servizi Sociali Giuseppe Maso, compiaciuto della valorizzazione dell’ex Convento dei Carmelitani.

Il presidente della Fondazione Progetto Uomo, don Gigetto De Bortoli in apertura dei lavori ha sintetizzato con forza il senso dell’iniziativa:

" Questa nostra avventura intende tenere salda e potenziare la visione e il fine originario che ci caratterizza da sempre: qualsiasi cosa succeda, accompagnare le persone nella loro formazione e nel loro miglioramento, senza mai perdere il contatto, il rapporto strutturale e la relazione interpersonale. Si tratta di un principio operativo e formativo che purtroppo quasi tutto il mondo universitario ha abbandonato, per sostenere invece istruzione volta alla prestazione, magari molto tecnica e molto sofisticata. Se manca la relazione e il coinvolgimento attivo della persona -  la ‘testimonianza’ direi -  una somma di prestazioni sanitarie non fa un percorso di salute; una somma di servizi non fa un inserimento sociale; una somma di lezioni non eroga formazione, una somma di enti non fa una rete solidale e sociale di appartenenza. Qui vogliamo costruire una rete di docenti, educatori, animatori, esperti che vogliono stabilire anzitutto relazioni interpersonali con la loro presenza, e trasferire le loro competenze agli allievi più con la pelle e le emozioni che non con gli strumenti tecnici, che pur ci sono.
A partire dalla formazione, questo mi pare sia richiesto e debba essere il volto e l’organizzazione del nuovo welfare, se si vuole davvero la solidarietà e il benessere sociale
”.

Il delegato di Enel Cuore, dott. Paolo Ballini ha spiegato il motivo per cui su 300 progetti pervenuti, uno fra gli 80 subito approvati sia stato quello della Fondazione Progetto Uomo, dichiarando l’impostazione, a suo avviso eccezionale ed eccellente, che è stata data al progetto. Ancora più entusiasta il prof. Agostino Basile, direttore di un centro di riabilitazione d'eccellenza a Macerata, il quale, dopo aver spiegato in modo semplice ed efficace – lungo battimani – in cosa consista il DSA,  ha dichiarato che ha preso appunti: “Invece di insegnare è molto di più quello che ho appreso tra voi e ho fatto molti appunti. Bisogna che ci ritroviamo a breve”. E cioè la capacità della Fondazione Progetto Uomo di fare rete.

Angelo Smaniotto, dott. commercialista, e dott. Angelo De Filippo, specializzato in programmi di welfare aziendale, hanno spiegato il senso della nuova legislazione e le opportunità, tecniche  legali e procedurali, che potenziano l’intervento delle aziende nell’area culturale e socio-sanitataria. Alcuni industriali presenti  hanno subito chiesto contatti e di passare quanto prima all’azione, perché le proposte sono “eccellenti come metodo, davvero innovative e convenienti per tutti”.

“Il file audio relativo alla cerimonia di inaugurazione del centro psico-pedagogico Progetto Uomo contiene alcune interessanti relazioni tra le quali segnaliamo quella del  prof. Agostino Basile, Pedagogista Clinico e professore ordinario presso l’Università di Macerata e direttore di un centro di riabilitazione d’eccellenza a Macerata.
Inoltre alleghiamo il file relativo all’intervento del dott. Angelo Smaniotto, dottore commercialista e socio della Fondazione Progetto Uomo sulla Responsabilità Sociale d’Impresa e la disciplina delle erogazioni liberali a favore delle organizzazioni senza scopo di lucro (ONLUS).”


INAUGURAZIONE
[File audio]

SALUTO DI DON GIGETTO DE BORTOLI
[File audio]