Progetto Uomo qui e ora – 30 Giugno

Progetto Uomo qui e ora – 30 Giugno

Viviamolo insieme.

“Sarà solo.
Dove altro, se non nei nostri punti comuni,
possiamo trovare un tale specchio?”

Singhiozzo nello ‘specchio’,
quasi un salto nella propria identità!
Condizione di figlia, ci sta bene e sta malissimo.
La ragazza è ancora lì, davanti, senza parole,
mentre le tracce del volto si rasserenano.
Effetto del pianto o dell’identità ritrovata?
– Ragazza, figlia mia, vuoi un abbraccio?
Si alza. Non mi muovo. Lei porge le mani.
Le prendo con forza e tenerezza, ma mi trattengo.
Riappare la sfida, lampo degli occhi.
Mi tira con forza. Allora cedo, allargo le braccia.
Si precipita dentro. Il pianto riprende a scroscio.
Un fiume di singulti nella corrente di dolore.
D’improvviso, troppo male, cerca di divincolarsi.
La trattengo avvolgendola con tenerezza e forza.
Resiste, ma finalmente si lascia andare.
Lo scroscio riprende, finché il singhiozzo si fa respiro.
Respiro libero che sale dalle sue radici.
– Hai ritrovato la figlia, quella figlia che sei?
Accenna di sì col capo, senza una voce.
Mi guarda e rientra nelle mie braccia.
L’ascolto.
Sento che, dentro l’abbraccio,
lei si ascolta e non ragiona e non si pensa.
Respira e gusta il contatto. Identità?

                                                                       Gigetto

Torna in alto

Giovani Hikikomori: approcci inclusivi, un passo alla volta

Corso intensivo: Meditazione e personalità MEP -1

La prevenzione dell’aggressività a danno degli operatori sanitari: indicazioni e strumenti

Gestire lo stress, l’ansia e la sofferenza con la mindfulness.

SOSTIENI FONDAZIONE PROGETTO UOMO CON IL
5 PER MILLE

Sostenere la Fondazione Progetto Uomo con il 5 per mille è molto semplice: basta firmare nell’apposito riquadro, e riportare nello spazio il codice fiscale 01040310250
Le scelte di destinazione dell’8 per mille e del 5 per mille dell’IRPEF non sono in alcun modo alternative fra loro e possono, pertanto, essere espresse entrambe.